Analfabetismo funzionale

Se un tempo l'analfabetismo era un fenomeno che riguardava le persone che non sapevano leggere né scrivere, oggi serve a identificare una diversa categorie di persone. Gli "analfabeti funzionali" possiedono le abilità di lettura, scrittura e calcolo, ma sono incapaci di utilizzarli nelle situazioni della vita quotidiana. Non sanno comprendere a fondo i contenuti di un normale articolo di giornale, di un foglietto illustrativo, non hanno uno spirito critico sviluppato e tendono a generalizzare le situazioni del loro quotidiano, cadendo facilmente vittime di stereotipi e pregiudizi.

Non è difficile comprendere perché l'analfabetismo funzionale rappresenti una piaga per la nostra società. Vi sembra assurdo che oggigiorno ci siano persone a cui mancano queste abilità basilari? Pensate che secondo i dati Ocse, è analfabeta funzionale il 27,9% degli italiani tra i 16 e i 65 anni. E la cifra è anche maggiore secondo altre analisi.

Si tratta di un grosso problema per la democrazia: gli analfabeti funzionali non si rivelano in grado di leggere e comprendere un programma politico, e rappresentano un terreno fertile per la diffusione di fake news e false promesse elettorali. Ma è proprio dalla politica che dovrebbe partire la soluzione: l'Italia tra i Paesi europei che spendono meno per l'istruzione, eppure l'unico modo per stroncare questo fenomeno è proprio tramite maggiori investimenti nella formazione culturale dei cittadini.


  • White Instagram Icon
  • White Facebook Icon
  • White YouTube Icon