Kamala Harris e l'ascesa delle donne nere nella politica statunitense

Nel mese di agosto, il candidato democratico alla presidenza degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato di aver scelto la senatrice californiana Kamala Harris come sua compagna di corsa – ovvero candidata alla vicepresidenza - descrivendola come una combattente senza paura e uno dei migliori funzionari pubblici del paese.

Joe Biden ha affermato di sentirsi orgoglioso di averla come partner per la sua campagna, che lo porterà a scontrarsi con l’attuale presidente degli Stati Uniti Donald Trump, in corsa per il secondo mandato nelle elezioni presidenziali di novembre 2020.


Kamala Harris ha elogiato Joe Biden per la sua "audacia nello scegliere una donna nera come sua compagna di corsa". Kamala Harris, se Biden vincerà, potrebbe infatti diventare la prima donna non bianca a servire come vicepresidente.

Fonte: Boston Herald


Chi è Kamala Harris?


Kamala Harris nasce il 20 ottobre 1964 ad Oakland. Studia scienze politiche ed economia alla Howard University e frequenta il Hastings College of the Law.


Iniziando la sua carriera come viceprocuratore distrettuale nella contea di Alameda, Harris ha lavorato per il procuratore della città di San Francisco come capo della divisione Community and Neighborhood, dove si è specializzata nel perseguire casi di violenza sessuale su minori.

È stata la prima donna non bianca ad essere eletta procuratore distrettuale di San Francisco dove è rimasta in servizio dal 2004 al 2010.

È stata procuratore generale della California dal 2011 al 2017, diventando la prima donna non bianca a servire come procuratore generale della California.


Si è definita nel corso della sua carriera come un "procuratore progressista".


Ha sconfitto Loretta Sanchez nelle elezioni del Senato del 2016, diventando quindi la seconda donna nera al Senato degli Stati Uniti. Kamala è infatti nata da madre indiana e padre giamaicano, e ha sempre lottato per rappresentare le minoranze etniche del Paese.


Come senatrice, ha sostenuto la riforma sanitaria, un percorso verso la cittadinanza per gli immigrati senza documenti, il Dream Act, il divieto di armi d'assalto e la riforma fiscale progressiva.


Ha corso alle primarie del partito Democratico presentandosi come la rappresentante degli afroamericani e delle altre minoranze del Paese. Il suo momento migliore risale a giugno 2019, quando affondò proprio Biden, in un dibattito televisivo tra candidati. Kamala rinfacciò all’ex vicepresidente di aver ostacolato, in un lontano passato, il «busing», il servizio bus che trasportava i bambini e i ragazzini afroamericani nelle scuole di altri quartieri per favorirne l’integrazione. Kamala Harris però si è poi ritirata dalla corsa.



Alcuni punti del pensiero di Kamala Harris


Nei suoi tre anni in Senato, Kamala Harris ha introdotto e co-sponsorizzato una legislazione per:

  • Fornire tagli alle tasse per la classe media, affrontare il costo elevato dell'affitto, aumentare il salario minimo a S15 l'ora, riformare il sistema di cauzione in contanti, proteggere i diritti di rifugiati e immigrati, ampliare l'accesso all'assistenza sanitaria.

  • Riformare il sistema di giustizia criminale - Kamala Harris è l'autrice del Justice in Policing Act, redatto dopo la morte di George Floyd. Inoltre, fa parte della commissione magistrale e dell'intelligence del Senato, della commissione per la sicurezza interna e degli affari governativi e della commissione per il bilancio.


California: Il mandato di Kamala Harris in California è stato molto impegnativo.

Come senatrice, si è impegnata per garantire che i centri di gravidanza in caso di crisi fornissero alle donne informazioni accurate dal punto di vista medico. Ha promosso i diritti LGBTQ + e ha lavorato per migliorare la giustizia penale, istituendo anche il primo Office of Recidivism Reduction and Reentry e lavorando per esporre le disparità razziali nel sistema di giustizia penale.


Razza e polizia: Kamala ha lottato per sradicare le discriminazioni razziali della polizia e l'uso della forza. All'indomani della morte di George Floyd ha partecipato, infatti, alle proteste a Washington D.C. Dopo la sparatoria di Jacob Blake, ha incontrato la sua famiglia nel Wisconsin e ha parlato con Blake al telefono.

Harris ha chiesto investimenti economici ed educativi per le comunità di colore al fine di creare comunità più sicure e più sane. Sta insistendo inoltre per creare uno standard nazionale riguardo all’uso eccessivo della forza da parte della polizia, e un database per segnalare e rintracciare i poliziotti violenti. Insieme a Joe Biden vuole porre fine alla cauzione in contanti e alle prigioni private (di cui vi abbiamo parlato qui).


Assistenza sanitaria: Come candidata alla vicepresidenza democratica, Harris sostiene il piano sanitario di Biden, che fornisce un'opzione pubblica per gli americani in cerca di assistenza sanitaria e mira a ridurre i costi a carico dei privati.


Risposta al Covid-19: Harris ha criticato la risposta dell'amministrazione Trump all’emergenza pandemica, considerandola lenta e inefficace. Quando il bilancio delle vittime degli Stati Uniti ha superato i 100.000 morti a maggio, ha rilasciato la dichiarazione: “I fallimenti evidenti di questa amministrazione hanno peggiorato questa pandemia di quanto doveva essere. Hanno minimizzato la minaccia e non sono riusciti a proteggere i kit di test, forniture e attrezzature di protezione personale necessarie per salvare vite umane. Il presidente stesso ha diffuso pericolosa disinformazione e messaggi contrastanti. L'amministrazione Trump deve iniziare ad ascoltare gli esperti e seguire la scienza. Le vite dipendono da questo."


Politica sulle armi: Harris ha sostenuto l’imposizione di un divieto delle armi d'assalto. Mentre era Procuratore Generale, ha  condotto una perquisizione in tutta la California per sequestrare le armi da fuoco possedute illegalmente.

Donne nere che hanno infranto le barriere nella politica americana e aperto la strada a Kamala Harris


Shirley Chisholm: Nel 1964, Chisholm divenne la seconda afroamericana ad essere eletta alla legislatura dello stato di New York, prima di fare la storia quattro anni dopo come la prima donna nera ad essere eletta al Congresso. E’ rimasta per sette mandati alla Camera dei Rappresentanti, introducendo oltre 50 atti legislativi.


Charlotta Bass: Prima di Harris, la prima donna non bianca a candidarsi alla vicepresidenza fu Charlotta Bass, insieme al candidato e avvocato Vincent Hallinan. Prima della sua nomina alla vicepresidenza, Bass stava già facendo progressi nel mondo della politica: era diventata co-presidente della Universal Improvement Association negli anni '20 e aveva creato la Home Protective Association, per combattere le alleanze restrittive che impedivano alle persone di colore di poter acquistare case.


Condoleezza Rice: Prima donna di colore a essere nominata consigliere per la sicurezza nazionale e prima segretaria di stato donna di colore per gli Stati Uniti. Durante il secondo mandato presidenziale di Bush, iniziato nel 2005, Rice è diventata la prima donna di colore a diventare segretario di stato. 


Loretta Lynch: Nel 2015, Loretta Lynch è diventata la prima donna nera a essere nominata procuratore generale degli Stati Uniti, una posizione che le è stata concessa dal presidente Barack Obama.


Patricia Harris: Patricia Harris ha lavorato al fianco di diversi presidenti nel corso della sua carriera politica, diventando la prima donna afroamericana a servire nel gabinetto presidenziale durante la presidenza di Jimmy Carter nel 1977, per essere poi nominata co-presidente del Comitato nazionale delle donne per i diritti civili.


Chi vincerà?

Allo scadere del termine per le elezioni Kamala Harris è sicura che la vittoria di Joe Biden come nuovo presidente porterebbe ad un’epoca nuova per gli Stati Uniti.

“Con queste elezioni possiamo cambiare la storia. Combattiamo con convinzione, fiducia e speranza"


Ecco l'estratto di un discorso di Kamala Harris, iniziato evocando le battaglie delle donne per ottenere il diritto al voto. E quelle, ancora più dure, delle afroamericane, che lo ottennero molto tempo dopo.

"Senza clamore né riconoscimento, si organizzarono, si mobilitarono, marciarono e lottarono, non solo per votare, ma per ottenere posto al tavolo delle decisioni. Sono loro ad averci dato, a noi che siamo venuti dopo, le opportunità di cui adesso godiamo. "





  • White Instagram Icon
  • White Facebook Icon
  • White YouTube Icon